Cartucce di toner per stampanti laser – sono tossiche?

Il toner per stampanti laser è una speciale miscela di polveri utilizzata nelle stampanti laser per formare le immagini stampate e il testo desiderati sulla carta, generalmente tramite una cartuccia di toner solido. Le prime combinazioni aggiungevano solo ossido di ferro e polvere di carbonio, ma miscele più recenti sono state sviluppate con vari altri elementi per la stampa tribolettrica, calcio, boro e diverse plastiche per la fototricolisi. Il toner di solito contiene circa cinque diverse sostanze chimiche che vengono mescolate insieme e si diffondono attraverso un tamburo più grande della normale cartuccia della stampante, con la testina della stampante che funge da serbatoio e trattiene la miscela mentre gira. Il tamburo consente di aspirare la polvere di toner dopo l’uso e di solito ha una piccola guarnizione del tamburo che aiuta a evitare che si attacchi ai lati del tamburo durante la rotazione. Le aree di stampa della maggior parte dei toner per stampanti laser sono normalmente rivestite con una vernice protettiva anti-ossidazione, per evitare che il toner graffi lo schermo del monitor del computer se la cartuccia della stampante laser dovesse cadere o rompersi.

Ci sono due tipi fondamentali di toner per stampanti laser, solido/fosfato e semipermanente/semipermanente. I toner semipermanenti sono utilizzati con molte stampanti, perché si può contare su di loro per fornire una buona risoluzione del colore per tutta la durata del toner, e sono più economici da produrre. I toner solidi/fosfato tendono a durare più a lungo e fornire risultati più coerenti. Alcuni toner solidi/fosfato sono disponibili anche in combinazione con toner a inchiostro a sublimazione di colore per tempi di stampa estremamente veloci, ma tendono a svanire nel tempo.

Ci sono alcune cause comuni per le particelle di toner per stampanti laser per diventare tossici. Le due fonti principali sono quando le particelle vengono introdotte nell’aria, o se le particelle di toner sono conservati in un contenitore smaltito in modo improprio. Quando nuove particelle di toner vengono rilasciati nell’aria, reagiscono con inquinanti trasportati dall’aria come la polvere, monossido di carbonio e ozono. Quando interagiscono con queste sostanze chimiche, producono particelle di fumo tossico. Quando conservati in un contenitore improprio, reagiscono con cibi acidi, frutta, succhi di frutta e verdure. Se queste sostanze chimiche reagiscono insieme, si può anche ottenere fumi chimici brutto, che può causare temporanea o permanente occhio, naso e gola irritazione.

Ulteriori consigli sul sito web https://stampantelasermigliore.it/.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.