Gli usi alternativi di un essiccatore

Il processo di essiccazione non serve soltanto alla conservazione di cibi, ma anche per poter cambiarne la consistenza, per poter farne in seguito farine, ma anche insaporitori oppure aromatizzanti o per poter avere a disposizione prodotti fuori stagione, senza andarli a comprare “a peso d’oro” quando se ne ha la voglia oppure la necessità.

Come poter utilizzare un essiccatore.

Un essiccatore potrà dunque diventare un valido alleato in ciascuna cucina, non soltanto in quella degli appassionati di essiccazione o crudismo oppure particolari regimi alimentari.

Ci sono tanti utilizzi che lo vedono protagonista con buoni risultati, in particolare per quanto concerne la cucina crudista, l’essiccatore in tal caso potrà essere utilizzato per poter riscaldare, perché fra l’altro, esiste il programma Bio Crudista che non eccede i 42 gradi, allora, oltre ad aver essiccato i prodotti evitando di alterarli, potrà fornire pure un riscaldamento delle pietanze con le medesime garanzie.

O magari quando si prepara la cena ma si vorrebbe tenerla in caldo, perché gli ospiti potrebbero essere in ritardo oppure perché le melanzane alla griglia le si vogliono servire come se fossero preparate tutte nel medesimo momento.

Anche per quanto riguarda le crêpes, fino a quando si termina la cottura delle ultime, le prime potranno restare calde e pure il loro ripieno, dolce oppure salato accendendo l’essiccatore.

Ci sono pure processi molto particolari che si potranno attivare con un essiccatore come ad esempio la fermentazione e la marinatura.

Per poter fermentare oppure marinare un cibo servirà tenerlo chiuso in un contenitore in un ambiente un pò riscaldato, in tal modo si andranno ad attivare i due processi e l’essiccatore diventerà una camera riscaldata a controllata temperatura .

Anche lo yogurt che rappresenta il tradizionale esempio di fermentazione, fra l’altro lo si potrà fare con il latte ed anche con la frutta secca, per chi avrà eventuali intolleranze oppure sensibilità ai latticini.

In particolare, l’essiccatore renderà i tradizionali fritti ancora più croccanti, ad esempio sarà possibile mettere le patate fritte piuttosto sottili in un essiccatore, appoggiate sulla carta assorbente. Attraverso l’aria calda che scalderà il fritto, l’olio in eccesso scivolerà verso la carta assorbente e l’essiccazione consentirà all’umidità residua di poter uscire dalle chips, che saranno ancora più croccanti.

Inoltre, pure il burro a temperatura ambiente da utilizzare nelle torte se non lo si potrà tirare fuori troppo tardi, grazie all’utilizzo di un essiccatore, lo si potrà ammorbidire in pochissimo tempo.

Sull’utilizzo dell’essiccatore, un’utile guida ed altri importanti

approfondimenti  su www.essiccatoriperalimenti.it.

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.